News & Eventi

PROGETTO DONNA: DONNE, GODETEVI L'ESTATE!

È arrivata l’estate .. e con il mare e il sole aumenta la voglia di stare all’aperto e vivere  le giornate   in liberta’.  E per restare in tema di Donne cogliamo l’occasione per chiedere al dr Maurizio Andreotti, specialista in Ginecologia,  quale potrebbe essere  un vero e proprio “vademecum” tutto al femminile  per godersi i vantaggi della bella stagione senza  i tipici “ fastidi”  di questo periodo  che possono essere  evitati o ridotti con semplici    Precauzioni . Vediamo allora insieme allo specialista,  quali sono le precauzioni  igieniche indicate per l’estate … ma anche per tutto l’anno:

  • Con il solstizio dell’estate vediamo aumentare la frequenza ambulatoriale di tutta quella piccola patologia irritativa dei genitali femminili, - spiega il Dr Andreotti,- sicuramente anche quelli maschili non sono immuni, ma per ovvie ragioni noi ginecologi ne vediamo pochi.

La classica telefonata di questo periodo è : “Dottore, scusi se la disturbo, ma ho un prurito ed un bruciore sui genitali che non resisto….” Ebbene queste telefonate aumentano numericamente da giugno a settembre causate dal caldo, dalla sabbia del mare, dalle creme protettive solari (che non sono adatte alla zona di transizione cutaneo-mucosa vulvare chiamata vestibolo), dalle più frequenti depilazioni e, perché no, dall’eventuale uso più frequente ed a volte più promiscuo, dell’organo in questione. Tale patologia irritativa è sostenuta prevalentemente da due categorie di agenti infettivi: i funghi (detti anche Miceti) ed i Batteri, talvolta coesistenti e concausanti il disturbo. Per il loro trattamento- continua il Dr Andreotti -  non è possibile, ma addirittura  scorretto e pericoloso, un trattamento telefonico: si rischia nel migliore dei casi di non risolvere il problema. Pertanto è necessario fare una visita ginecologica e, quando occorre, un tampone vaginale per coltura con antibiogramma, quindi eseguire la corretta terapia per un tempo sufficiente a risolvere la patologia infettiva (non bastano 1-2 giorni di trattamento come a volte reclamizzato in modo incompetente). Resta sempre valido il principio della prevenzione con la corretta igiene personale e comportamentale:

  • ridurre i rischi di contaminazione esterna: lavarsi le mani prima ed i genitali dopo con prodotti non irritanti e non disinfettanti
  • utilizzare mutandine di cotone e cambiarle almeno una volta al giorno
  • il movimento della mano sul bidè è dall’avanti all’indietro e non il contrario (si portano batteri dall’ano al vestibolo)
  • tutte le maniglie dei bagni pubblici sono infette pertanto si apre la porta con la sinistra e si usa la destra per la carta igienica
  • tutti i rubinetti dei lavandini, ancora non a norma, sono infetti: inutile lavarsi le mani e richiudere il rubinetto.
  • utile posizionare un salvaslip sottile nel costume da bagno, aumenta lo spessore della barriera tra i genitali ed il mondo esterno, sostituirlo dopo il bagno.
  • Prudenza nelle depilazioni a strappo o peggio con il rasoio, meglio la crema depilatoria

E per ultimo... molti non sanno che...     il profilattico non protegge dalle malattie infettive, è solo un ottimo anticoncezionale. comunque tranquille: le nostre difese immunitarie sono molto potenti e la percentuale di donne che riferiscono le problematiche sopra descritte sono meno dell’2%. Ringraziamo il Dr Andreotti per i suoi preziosi consigli e Buona Estate a tutte! ;)

 

Nella foto: il Dott. Maurizio Andreotti, specialista in Ginecologia

 

 

 

 

 

 

 

 

« Torna Indietro