L'esperto risponde

Hai qualche domanda da rivolgere al nostro staff? Scrivi ai nostri esperti...

Clicca qui
Chiudi

Compila il form e inviaci la tua domanda

*Campi obbligatori
SI, Ai sensi degli artt. 13 e 23 del D.Lgs. n. 196/2003, dichiaro di aver preso visione dell'"informativa" relativa al trattamento dei miei dati ed esprimo il consenso al trattamento degli stessi.

Altrimenti cerca tra le nostre risposte...

Tecar

Buona sera, probabilmente il campo non è corretto, ho 43 anni ed ero interessata ad avere informazioni supplementari sul linfodrenaggio tecar, per prima cosa se può essere effettuato da donne che hanno la iud, visto che l'ho inserita a gennaio, poi qualche indicazione su durata standard del trattamento e costo approssimativo dello stesso. Vi ringrazio in anticipo e porgo cordiali saluti D.sia Dalmonte Vanina


Gentile cliente, nel caso da lei rappresentato non ci sono controindicazioni all'esecuzione del linfodrenaggio tecar. Ogni seduta del trattamento dura circa un'ora e costa 60 euro. Il numero di sedute è soggettivo, cioè varia da paziente a paziente in funzione delle condizioni generali delle zone da trattare.

Dott. Filippo Bertini, coordinatore del reparto fisioterapia del Centro Medico Olympus

Visita al naso per sanguinamento

Buongiorno, da un po' di tempo mi viene da sputare sangue. L'altra sera ho notato che con il raffreddore il sangue mi viene dal naso in bocca il mio dottore mi ha dato da fare una visita otorinolangoiatria in piu da circa due settimane che mi è venuto tipo una ghiandola dietro orecchio destro, cosa mi consiglia lei?


Dott. Pasotti, specialista in allergologia, pneumologia e tisiologia.

Gentile paziente, concordo con il consiglio del Suo medico curante, in quanto il corretto iter clinico-diagnostico prevede - nel caso da lei rappresentato - l'effettuazione di una visita otorinolaringoiatrica. Nel caso in cui questa porti a esiti negativi, sarà utile una visita specialistica pneumologica

Cardiologia - parere

Buongiorno, mia figlia Silvia, di anni 15, a seguito di visita presso Ausl Romagna - Medicina Sportiva per il certificato di idoneità all'attività sportiva agonistica ha fatto un elettrocardiogramma con questo esito: "Si segnala scarso incremento dell'onda R in V2 e V3. Nessuna alterazione del ritmo durante e dopo sforzo". Per quanto riguarda la voce di quel scarso incremento dell'onda ecc.. ritenete sia il caso di approfondire? cosa eventualmente mi suggerite di fare? grazie per la risposta.


Gentile Sig.ra, in relazione alla descrizione dell’elettrocardiogramma di sua figlia Silvia, sono del parere che non è necessario preoccuparsi né al momento effettuare degli approfondimenti (se non sono stati richiesti dal medico dello sport) in quanto compatibile probabilmente con una semplice rotazione dell’asse elettrico del cuore.

Cordiali saluti Dott. Pier Luigi Fiorella

Valutazione della risposta da parte dell'utente 
RMN Colonna lombosacrale

Salve, ho 45 anni e nel 2014 facendo un movimento sbagliato ho avvertito gran dolore e blocco alla schiena. La risonanza evidenziava in L4-L5 ernia discale mediana-paramediana sinistra che impronta nettamente il sacco durale con parziale occupazione del recesso laterale di sinistra e probabile compressione della radice passante. Dopo un anno fermo, da pochissimo ho iniziato palestra (pesi) in modo molto blando. Avverto sempre un costante dolorino nella zona interessata e nella gamba e una gran paura di rimanere bloccato di nuovo. Voglio fare una visita per capire il modo migliore di affrontare questo problema e cercare di guarire. Poi mi interessa sapere come continuare in palestra e nello specifico capire gli esercizi da fare e quelli assolutamente da evitare. Premetto che non sono un agonista e lo faccio solo per tenere la muscolatura tonica e funzionale. Bene piu o meno ho detto tutto. Attendo vostre notizie per prenotare visita dallo specialista che ritenete piu' opportuno al mio caso.


Buongiorno, dalla descrizione che lei fa, è molto probabile che i disturbi di cui soffre siano legati alla presenza dell’ernia discale; premesso che l’ernia discale difficilmente “guarisce”, resta importante invece l’attivazione della muscolatura del tronco e addome per poter ridurre la sintomatologia dolorosa. I pesi non sono certo la forma di rieducazione migliore, per cui sarebbe importante farsi visitare dallo specialista ortopedico che oltre a valutare la situazione dell’ernia discale Le potrà certamente consigliare l’iter migliore di rieducazione funzionale. Presso il nostro centro operano sia il Dott. Milandri che il Dott. Lupetti, professionisti in grado di accogliere le sue richieste.  

Cordiali Saluti Dott. PIer Luigi Fiorella